Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Martedì, 19 Novembre
Medici al libro paga di Big Pharma: la Procura di Genova procede con le indagini dopo la denuncia del Codacons

Prima la Corte dei Conti ligure, ora è la magistratura penale genovese ad accogliere la denuncia del Codacons per reato di comparaggio.

La Corte dei Conti ha, infatti, destato particolare interesse verso l’esposto del Codacons che scoperchiò un vaso di Pandora del valore di 163.664.432,70 euro, distribuiti tra 32.623 soggetti negli anni fra il 2015 e il 2017. 

Le aziende farmaceutiche coinvolte nel dossier (Abbvie, Almirall, Merck, Msd, Hospira, Pfizer, Pfizer Italia, Pierre Fabre Pharma, Pierre Fabre Italia, GlaxoSmithKline) hanno di fatto elargito ingenti denari in sponsorizzazioni, viaggi e molto altro ancora.

Scandali italiani

Indagini in corso per possibile danno erariale per il nostro SSN per presunte prescrizioni anomale di farmaci.

Queste le motivazioni di cotanto interesse da parte di Anac, GdF, Corte dei Conti e Procura della Repubblica di Genova, per la verifica degli effetti di tali finanziamenti sulle prescrizioni farmaceutiche.

Di seguito riportiamo il comunicato stampa integrale del Codacons https://codacons.it/medici-procura-di-genova-accoglie-denuncia-codacons-e-indaga-su-rapporti-ambigui-tra-camici-bianchi-e-case-farmaceutiche/

Quali aspettative?

“Siamo soddisfatti per gli importanti sviluppi della nostra denuncia e, nell’ottica di una totale trasparenza in favore degli utenti della sanità, chiediamo ora alle altre Corti dei Conti regionali e alle Procure di tutta Italia di seguire l’esempio della Liguria e aprire analoghe indagini sul territorio”, dichiara il presidente Carlo Rienzi.

Senza ombra di dubbio, sarebbe doveroso da parte di tutte le procure nazionali verificare a tappeto l’impatto di tali finanziamenti, per rispetto nei confronti della salute pubblica e per conferire nuovamente un briciolo di serietà alle istituzioni. È, in effetti, impensabile circoscrivere le indagini alla sola regione ligure, se consideriamo l’estensione del fenomeno a macchia d’olio nel corso degli anni di qualsivoglia genere di bonus da parte delle aziende coinvolte.

Che sia la volta buona?

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
68%
Archivio
44%
Risorse
52%
Easy of Use
75%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares