Il Blog di Gioia Locati

Altre notizie

3 - 6 minuti di lettura

“Imitiamo i tedeschi, non vacciniamo ragazzi e bambini”

L’istituto Koch ha sconsigliato la vaccinazione anti Covid agli adolescenti, consigliandola solo per i ragazzi con malattie importanti. Per il ministero della Salute berlinese somministrare loro il nuovo vaccino rappresenta più un rischio che un beneficio. Perché i dati raccolti sono alquanto scarni. Forti perplessità arrivano anche dalla Svezia e dalla Gran Bretagna.

L’unica sperimentazione fatta sui giovanissimi dai 12 ai 15 anni, con il vaccino Pfizer, è durata due mesi, sono stati reclutati 2.260 adolescenti ma il farmaco lo hanno ricevuto solo in 1.130.

Nella settimana di sorveglianza attiva dopo la vaccinazione sono emersi svariati effetti secondari, nel 40% circa moderati (cioè che possono interferire con attività e abilità quotidiane) e, nell’1,5% dei vaccinati severi (disabilitanti, che richiedono un trattamento medico). Se i 2,3 milioni di 12-15enni italiani si vaccinassero avrebbero 34.000 reazioni disabilitanti per il solo dolore locale grave. 

In più ci sono trenta adolescenti vaccinati la prima volta che non si sono presentati per la seconda dose. Non se ne conosce il motivo, il report non fornisce spiegazioni. Nessun ragazzo del gruppo dei riceventi il vaccino si è ammalato, dell’altra metà 16 sono risultati positivi al virus. Cliccate qui.

“Imitiamo i tedeschi, non vacciniamo ragazzi e bambini”

Meno Covid: merito dei vaccini o della primavera?

2 - 3 minuti di lettura

Inauguro oggi una serie di articoli “in pillole” per informarvi del lavoro svolto dal Gruppo Studio “Info-vax evidence based e strategie contro la Covid 19”.

Composto da medici e ricercatori, il Gruppo si rivolge al personale e alle istituzioni sanitarie e si prefigge di:

  • individuare le migliori strategie per affrontare la malattia basandosi sulla Evidence Based Medicine;
  • aprire un dibattito scientifico che accolga anche il contradditorio;
  • fare “massa critica” aumentando la consapevolezza delle malattie e del modo di prevenirle. Cliccate qui per consultare il sito.

In piazza per le libertà

2 - 4 minuti di lettura
In piazza per le libertà

Vuoi raccontare la protesta? Vai e consuma le suole delle scarpe, annusa l’aria” insegnava il capocronista.

Eccomi a Bologna, in una piazza del Nettuno traboccante. Migliaia di persone in ascolto di chi arringa la folla dal palco. Sono tanti e tutti ascoltano (sembra una ovvietà ma non lo è: pensate che ai cortei degli studenti molti ci vanno tanto per fare e, altrettanti, per appiccicarci sopra un’etichetta politica).

A radunarci è l’iniziativa “Primum non nocere” promossa dai movimenti Libera scelta: ne esiste uno in ogni Regione e sono coordinati fra loro. Sono cresciuti via via in risposta alla politica sanitaria degli ultimi anni.

Tante maschere, pochi volti

3 - 6 minuti di lettura
Tante maschere, pochi volti

Oggi affrontiamo il tema delle mascherine perché alcuni studiosi chiedono di rivederne le regole. Servono davvero? E quando?

Ricordiamo che il decreto legge che ne ha introdotto l’uso prevede “l’obbligo di portarla con sè” e di indossarla sempre nei luoghi chiusi mentre all’aperto salvo quando è garantita una condizione di isolamento. Le stesse regole dovrebbero valere per le scuole. Tuttavia accade che, per eccesso di zelo (o per paura), si indossino mascherine anche quando si cammina all’aperto da soli, mentre si guida o si è seduti in classe per diverse ore, benchè i banchi siano a più di un metro di distanza l’uno dall’altro.

Vaccini, la sperimentazione è in corso senza assicurazione

3 - 5 minuti di lettura
Vaccini, la sperimentazione è in corso senza assicurazione

Ringrazio Eugenio Sinesio, ematologo e cardiologo nonché referente territoriale della Lega italiana per i diritti dell’uomo, per avermi segnalato quanto segue.

Fino al 5 giugno del 2020 la popolazione italiana era tutelata da una legge che prevedeva una copertura assicurativa per i partecipanti (volontari) alle sperimentazioni cliniche dei medicinali.

Se ne parla nel decreto del 14 luglio 2009, cliccate qui.

Ma il 5 giugno dell’anno scorso quel decreto è stato modificato dalla legge 40. Scorriamone il testo dell’ art 40, e troviamo il comma 6, di tre righe appena: “Per gli studi sperimentali senza scopo di lucro di cui al presente articolo non è richiesta la stipula di una specifica polizza assicurativa”. Cliccate qui.

Attenzione, dunque. Perché l’inciso,“senza scopo di lucro”, si traduce in una doppia fregatura. Da un lato gli italiani, come tutti i cittadini europei, hanno contribuito con le tasse a finanziare la ricerca e la realizzazione dei vaccini anti Covid (prodotti non profit). Ma poi le aziende hanno brevettato i vaccini (che pertanto cesseranno di essere non profit). Nel frattempo, pochi mesi prima che i vaccini venissero distribuiti, è stata cambiata la clausola sulle polizze assicurative. Grazie all’espressione “senza scopo di lucro” lo Stato italiano non ci assicura più durante l’attuale periodo di sperimentazione.

No-vax sospesi dal lavoro? Una bufala

2 - 4 minuti di lettura
No-vax sospesi dal lavoro? Una bufala

Una notizia diffusa ieri si è rivelata imprecisa. Anzi, è meglio dire: errata.

La trovate qui. Si racconta di una decina di dipendenti di due case di riposo del bellunese che si sarebbero rifiutati di vaccinarsi in febbraio e che per questo sono stati sospesi dal lavoro (messi in ferie forzate). Il medico delle due strutture avrebbe stabilito l’ inidoneità al servizio degli operatori sanitari,  “permettendo ai vertici delle case di riposo di allontanarli dal luogo di lavoro, senza stipendio, per impossibilità di svolgere la mansione lavorativa prevista”, così si legge sul Corriere.

La cronaca prosegue raccontando che gli operatori sanitari si sono rivolti al giudice “per essere reintegrati nel posto di lavoro rivendicando la libertà di scelta vaccinale prevista dall’ordinamento italiano e dalla Costituzione”.

Il giornalista, poi, ci mette del suo lasciando intendere che le sue parole chiariscano maggiormente il verdetto del giudice, eccole: “C’è poco da gridare ai quattro venti che l’autorizzazione ai vaccini è temporanea, che c’è stata poca sperimentazione e che ci sono rischi, il tribunale ha ritenuto insussistenti le ragioni degli operatori no vax”.

Quindi l’articolo ricorda che i dipendenti non sono stati licenziati ma solo “sospesi”, “significa che quando cesserà il pericolo per la salute, cioè se si vaccineranno o se la Covid sparirà dalla faccia della terra, potranno essere reintegrati con effetto immediato”.

C’è anche una ciliegina – pindarica, perché non c’entra con il resto -: addirittura, secondo gli avvocati delle RSA, “la condotta degli operatori sanitari si può paragonare a mobbing nei confronti degli ospiti delle RSA”. Avete capito bene: gli ospiti anziani sono liberi di vaccinarsi o meno e, secondo questi avvocati, sarebbero mobbizzati dagli operatori che esercitano lo stesso diritto.

L’estensore conclude che la sentenza “è destinata a fare da pilota per i prossimi ricorsi” e suggerisce come dovranno comportarsi in futuro i direttori ospedalieri “in mancanza della possibilità di sospendere i no-vax, i direttori generali potranno metterli in reparti isolati dove non saranno in grado di contagiare e contagiarsi”.

Ora leggiamo la sentenza qui e cerchiamo le differenze.

Così l’idrossiclorochina finisce al Consiglio di Stato

5 - 9 minuti di lettura
Così l’idrossiclorochina finisce al Consiglio di Stato

Cos’è l’idrossiclorochina? Fa bene o fa male? Come si affronta oggi il Covid? Ci si può curare a casa? Proviamo a rispondere con l’aiuto di un medico, l’oncologo e professore Luigi Cavanna, che ha seguito centinaia di malati di Covid, trattandoli con questo farmaco al loro domicilio. Da maggio però non si può più prescrivere né somministrare idrossiclorochina (vedremo perché).

Il 10 dicembre il Consiglio di Stato si esprimerà sull’esposto presentato da alcuni medici che chiedono il via libera al farmaco e di poter prescrivere in scienza e coscienza. 

L’ antefatto

L’idrossiclorochina si usa da oltre 50 anni per curare la malaria e alcune malattie autoimmuni. Per le sue proprietà immunomudulanti, anti trombotiche e anti virali è stata impiegata anche per contrastare alcune importanti infezioni, dall’HIV all’Ebola, dalla Sars alla Mers. Costa poco.

Durante la prima ondata del Sars-Cov-2, l’idrossiclorochina era presente nelle linee guida dei Paesi occidentali colpiti dall’infezione (approvata, dunque, anche da Aifa ed Ema) per trattare i malati, sia in ospedale che a domicilio.

A maggio però esce uno studio su Lancet – rivelatosi poi fallace – che richiama le attenzioni delle agenzie regolatorie. Si afferma che l’idrossiclorochina era stata causa di un aumentato numero di decessi, a riprova si millanta l’analisi di 96mila cartelle di pazienti in 970 ospedali nel mondo. Ma, a una prima seria verifica, le basi di quel lavoro, crollano. Nessuno aveva esaminato quelle cartelle e la società che eleborò i dati falsi finì indagata. Cliccate qui.

Tuttavia l’idrossiclorochina è rimasta inaccessibile ai malati di Covid. Sospesa la somministrazione nei Paesi occidentali già a poche ore dalla pubblicazione dello studio fallace. A giustificazione, oggi, Aifa cita la posizione dell’OMS che “per prudenza ne ha sospeso i trial”. Sarebbe pericolosa per il cuore e potrebbe aumentare i decessi. Qui.

La situazione oggi

In mezzo mondo, i medici che, nei mesi di marzo aprile hanno trattato i malati con quel farmaco, hanno raccolto e pubblicato i loro dati. Secondo chi l’ha prescritta, “soprattutto nei primi giorni di malattia”, l’idrossiclorochina ha contribuito a contenere i decessi. Sono stati fatti numerosi confronti sia con con gruppi di pazienti ricoverati sia con chi si è curato a domicilio. Qui uno studio osservazionale belga su 8.075 partecipanti.

Si sono poi studiati i decorsi dei pazienti che non hanno usato quel farmaco e si è giunti alle conclusioni che sintetizza Luigi Cavanna, oncologo, primario all’ospedale di Piacenza e ricercatore: “La mia esperienza con l’impiego di quel farmaco è più che buona, ho seguito personalmente a casa oltre 300 malati, dei quali il 30 per cento con forme severe e un altro 30 per cento con forme moderate. Di questi nessuno è morto e i ricoverati sono stati meno del 5 per cento”. 

E poi. “Mi sono sentito ringraziare con queste parole, ‘dottore, stavo così male che pensavo di non farcela, dopo 3 giorni di terapia la mia vita è cambiata”.

Lo staff del professor Cavanna ha raccolto i dati in due pubblicazioni sui malati di tumore che hanno avuto il Covid e un terzo lavoro verrà spedito nei prossimi giorni per essere pubblicato. Intanto, altre ricerche sono state pubblicate, dapprima una metanalisi, ossia una summa di 26 studi che riferiscono dell’impiego di idrossiclorochina su 44.521 malati di Covid e che mostrerebbero una riduzione di mortalità con il farmaco a basse dosi. Cliccate qui.

Poi un altro lavoro tutto italiano che riunisce le esperienze di 33 ospedali della Penisola in uno studio osservazionale multicentrico che trovate qui. Sono stati seguiti i decorsi di 3.451 pazienti non selezionati, ricoverati dal 19 febbraio al 23 maggio. Ed è emersa una mortalità ridotta del 33% in chi ha usato quel farmaco.

In luglio, 13 Regioni italiane hanno chiesto di poter usare l’idrossiclorochina off label nei trattamenti domiciliari, cliccate qui. Ma Aifa è rimasta ferma sulla sua posizione. Qui.

Nel frattempo ci sono stati ricorsi al Tar e si attende il verdetto del Consiglio di Stato del 10 dicembre. Cliccate qui.

Per l’Ema è un farmaco che “se preso in dosi elevate induce al suicidio”

Il 30 novembre Ema pubblica una nota. Si dice che “a seguito di una revisione dei dati sono emersi 6 casi di disturbi psichiatrici in pazienti Covid a cui erano state somministrate dosi di idrossiclorochina superiori a quelle autorizzate”. Cliccate qui.

Professor Cavanna ha osservato anche lei la tendenza al suicidio?

“Qualsiasi farmaco preso a dosi da cavallo fa male…che dico farmaco, anche la pastasciutta…Penso che ci si debba avvicinare ai dati con umiltà e senza pregiudizi. Invito a guardare a ogni terapia in termini di costi e benefici, tenendo presente gli effetti collaterali e la situazione di ciascuno. A Piacenza ci sono stati oltre 900 morti nella prima ondata, in quel periodo, dei pazienti che noi seguimmo a domicilio trattati con idrossiclorochina – all’incirca 300 – i ricoveri sono stati inferiori al 5% e nessuno è morto”.

Per quanti giorni va somministrata l’idrossiclorochina? 

“Per una settimana, non di più. Si ottenevano miglioramenti dopo due-tre giorni. Abbiamo osservato che è importante dare il farmaco ai primi sintomi, ed è sufficiente un basso dosaggio”.

Cosa pensa del fermo divieto delle agenzie regolatorie?

Che per onestà sia necessario spiegare ai pazienti che hanno ricevuto l’idrossiclorochina nei primi mesi e sono guariti che cosa è successo; se hanno rischiatoche cosa hanno rischiato, e come hanno fatto a rimettersi in piedi. Una spiegazione è dovuta. Prima il farmaco era ammesso e lo è stato per tre mesi, ora è vietato. Perché Aifa non va vedere come stanno queste persone?”.

Aifa sostiene che non esistono studi randomizzati sui pazienti Covid

“Abbiamo molti dati, non solo noi di Piacenza, ma da tutta Italia, penso alla provincia di Alessandria, a Novara, a Milano, e a Bologna. Sono stati pubblicati gli studi osservazionali (vedi sopra), una metanalisi che mostra la riduzione di mortalità su 40mila malati. Questi report vanno messi sul tavolo. Si tratta di  uomini e donne, non di esperimenti in vitro. Sono un sostenitore dello studio randomizzato (si dividono i pazienti in due gruppi omogenei, a uno si somministra la miglior cura esistente più il farmaco da testare, all’altro la miglior cura più il placebo) ma lo studio è sempre un mezzo, non un fine. I malati bisogna guardarli in faccia e, in mancanza di studi randomizzati utilizzare farmaci di provata efficacia ‘sul campo’, di facile somministrazione, di costo contenuto e con pochi effetti collaterali.

Cosa farebbero all’Aifa se qualcuno di loro o dei loro familiari si ammalasse di Covid e si ritrovassero con una febbre alta che non passa dopo tre giorni, tosse e fiato pesante? Si accontenterebbero dell’antipiretico e del saturimetro (sono le indicazioni per curarsi a casa) aspettando forse di peggiorare per essere ricoverati d’urgenza? È come se misurassimo la pressione alta senza dare alcun farmaco ma consigliando di tenere a casa l’apparecchio per la pressione…”

Il Covid si può curare a casa?

Assolutamente sì, la cura precoce, fatta cioè nei primi giorni di febbre alta, tosse e affanno, consente ai pazienti di evitare il ricovero in ospedale e di guarire. La mia esperienza coincide con quella di centinaia di medici in Italia e migliaia nel mondo che hanno curato a casa i pazienti”.

Cosa prendere ai primi sintomi?

“Chi non ha sintomi o ne ha pochi non deve fare nulla, isolarsi con le precauzioni per non infettare gli altri. Chi ha sintomi può assumere un antinfiammatorio. Se sopraggiunge tosse o se la febbre non passa in 24-30 ore bisogna rivolgersi al medico di famiglia che può attivare le Usca, Unità mediche territoriali che, a domicilio, possono visitare, fare un’ecografia ai polmoni, fare un tampone e valutare il livello dell’ossigeno” (nel Piacentino funziona così).

Insomma, è importante agire subito?

“Sì. Durante la pandemia abbiamo visto arrivare in ospedale persone con alle spalle 10 e più giorni di febbre, tosse, dispnea, non va bene”.

Ma oltre all’antinfiammatorio? Antibiotico o cortisone?

“Decide il medico. Se c’è il sospetto che l’infiammazione abbia intaccato i polmoni l’antibiotico va consigliato. Il cortisone va dato non subito ma nei giorni successivi per evitare il picco infiammatorio. L’eparina se il paziente è allettato o fatica a muoversi. Fondamentale è misurare la saturazione di ossigeno”.

Come mai un oncologo cura i malati di Covid a domicilio?

“L’oncologo ha come background culturale la presa in carico del malato, lo segue nel suo percorso di cura e nei successivi controlli fino alla guarigione o alle cure palliative. Ricordo un paziente che ci disse che avrebbe dovuto interrompere la terapia perché il figlio non lo poteva più accompagnare in ospedale poiché avrebbe rischiato di perdere il lavoro. Era 20 anni fa. Decidemmo di istituire una rete territoriale che funziona ancora oggi: nelle zone senza ospedale ci sono i nostri presidi, portiamo le cure oncologiche vicino al domicilio del paziente e siamo stati i primi in Italia a eseguire le terapie nella Casa della Salute, in una vallata del Piacentino priva di ospedali”.

Con l’inizio del Covid vi siete comportati così?

“Un nostro paziente, malato di tumore, ci avvisò di avere tosse e febbre. Siamo andati a domicilio. È cominciata così…Poi sono stati trattati tanti altri malati, anche, e soprattutto, non oncologici”.

Guariti con idrossiclorochina?

“Esattamente”.

Oggi in ospedale a Piacenza avete tanti malati Covid?

“Molti meno che a marzo, grazie anche alla nostra rete di assistenza domiciliare”.

Ora cosa farete?

“Cercheremo di convincere Aifa a cambiare le linee guida con la forza degli argomenti ma anche con la determinazione che ci trasmettono i malati”.

Ci sono speranze?

“C’è un assoluto bisogno di cure precoci. Ci sono tanti dati, c’è un’interrogazione parlamentare presentata dal senatore Armando Siri che ha a cuore la nostra causa e c’è il Consiglio di Stato”.

Di cosa si muore

3 - 6 minuti di lettura
Di cosa si muore

Il ministero della Salute calcola che negli ultimi otto mesi ci siano stati 43.589 morti di Covid. I dati si riferiscono al periodo 11 marzo-12 novembre. 

Abbiamo chiesto all’epidemiologo Stefano Petti di spiegarci quanto incidono questi decessi su tutte le morti.

“Il numero dei decessi totali del 2020, in Italia, sarà disponibile solo fra un paio d’anni. Per capire il peso del Covid sulla mortalità generale possiamo fare riferimento all’ultimo anno utile, che è il 2017. Soltanto i dati relativi al Covid sono aggiornati al 2020, ma è un fatto insolito. Non è mai accaduto, infatti, che si registrassero in tempo reale i morti totali per una determinata causa.

Ma accogliamo questa anomalia. Allo stesso modo accettiamo che nel novero dei decessi Covid ci siano anche i casi probabili, le malattie simil Covid con tampone negativo e i morti con varie patologie gravi (come la demenza, quinta causa di decessi nel mondo o l’ictus) che non sembrano correlate all’infezione e tampone positivo. Qui le tabelle Istat del 2017.

Nel 2017 ci sono stati 646.833 morti. Ma visto che dobbiamo ragionare su 8 mesi calcoliamo i decessi in questo arco di tempo: sono 431.222. Quindi i morti Covid rappresentano il 10,1% di tutti i decessi”.

E il 90% della popolazione di cosa muore?

“Sempre l’Istat ci dice che i decessi per malattie cardiovascolari e per tumori nel 2017 sono stati 231.732 e 179.351. Facendo lo stesso rapporto vediamo che le malattie cardiovascolari rappresentano il 35,8% e i tumori il 27,7% di tutti i decessi. Infarti, ictus e tumori insieme provocano i ⅔ dei decessi in Italia.

In altre parole: per ogni morto di Covid ci sono 3,5 morti di malattie cardiovascolari e 2,7 morti di tumore”.

Si dice però che il 2020 registrerà un aumento della mortalità generale.

“Sì, si parla di una mortalità in eccesso stimata al 30 agosto 2020 del +188%, potremmo arrivare a 680.000 morti l’anno. Il sito our world in data, che è usato dagli epidemiologi in tutto il mondo, da Harvard a Stanford a Oxford, individua anche le cause di questo eccesso…”.

…dovuto al Covid…

“Non solo. Gli studiosi individuano l’eccesso di mortalità soprattutto nel sovraffollamento della sanità pubblica, nel fatto che le risorse sono state dirottate tutte sul Covid a scapito, ad esempio, dei reparti di cardiologia e oncologia. Poi nel fatto che le persone non si recano al pronto soccorso per malattie che non siano Covid trascurando quindi la loro salute…”. Cliccate qui (cercando “Excess mortality for all ages”).

Ma ci sono già i dati?

“Sì, sono stime. La Società Italiana di Cardiologia ha mostrato che gli accessi al pronto soccorso per infarto del miocardio durante il lockdown sono stati dimezzati (meno 48%) e la mortalità per infarto del miocardio non correlata al Covid è triplicata. Cliccate qui”.

Quindi a causa dell’emergenza Covid stanno aumentando i decessi per malattie cardiovascolari?

“Purtroppo sì. Ci hanno detto che grazie al lockdown sono diminuiti gli incidenti stradali, è una buona notizia, anche se dobbiamo aspettare i numeri ufficiali. Intanto possiamo dire che nel 2017 gli incidenti stradali incidevano per lo 0,5% di tutte le morti; che le malattie cardiovascolari e i tumori rappresentavano il 63,5% di tutte le morti e stiamo osservando ora che la Sanità pubblica si sta focalizzando sul 10% delle morti, disinteressandosi del 63,5%. Fra i reparti chiusi o ridotti per dirottare il personale verso il Covid ci sono anche quelli di cardiologia e oncologia. La Federazione degli Ordini degli Infermieri documenta il 40% di ricoveri ospedalieri in meno rispetto al 2019, una riduzione del 36% delle prestazioni specialistiche ambulatoriali e 1,4 milioni di screening oncologici in meno. Cliccate qui”.

Ma questo significa che la percentuale del 63,5% delle morti provocate da infarti e tumori potrebbe aumentare ancora?

“Purtroppo sì. Non ha alcun senso, ma è quello che sta emergendo: nonostante le buone intenzioni del Piano Operativo Regionale per il recupero delle liste di attesa – cliccate quiper bloccare la causa del 10% dei decessi, si fanno crescere le altre. La spiegazione è che le risorse sono sempre le stesse, si recuperano spostandole da settori già carenti e centrali per la nostra Sanità. Questo modus operandi porterà a registrare morti in eccesso alla fine del 2020 come spiegato dagli statistici di our world in data. Pare assurdo ma all’ OMS se ne accorsero già in aprile…”

In che senso all’OMS se ne accorsero in aprile?

“Nel seguente documento, cliccate il pdf alla quarta pagina, Policy Issues. L’OMS valuta che la risposta alla pandemia avrebbe provocato un aumento della mortalità generale, con peggioramento delle malattie preesistenti, più errori medici e nella gestione delle altre malattie. Insomma, un peggioramento della qualità delle cure”.

Parlando delle sole malattie respiratorie. L’Istat calcola che i morti da malattia respiratoria furono 79.017 nel 2017 pari a 52.678 in otto mesi. In questa voce compaiono le malattie croniche delle basse vie respiratorie ma anche le polmoniti e le influenze. Si tratta di malattie respiratorie infettive, come mai per evitare questi decessi non abbiamo mai fatto un lockdown?

“È giusto chiederselo: come mai? Guardando alla situazione mondiale, il quadro è ancora più evidente. Cliccate qui. Il totale dei decessi nel mondo per Covid reale + presunto, dall’11 gennaio al 13 novembre 2020, è stato di 1.293.105.

I morti totali nel mondo nel 2017 sono stati 55.950.000, nei mesi da febbraio (da quando è comparso il Covid) a novembre sono 41.962.500 e il Covid rappresenta solo il 3,1% di tutti i decessi.

Nel 2017 i decessi per polmoniti sono stati 2.560.000, che diventano 1.920.000 per nove mesi; ma ci sono stati anche 1.180.000 decessi per tubercolosi (computate al di fuori delle polmoniti), che diventano 885.000 in nove mesi.

Quindi ci sono 2,2 morti per polmoniti e tubercolosi per ogni morto di Covid”.

Conclusioni: l’OMS era al corrente del rischio, poi rivelatosi reale, di una crescita dei morti da altre malattie. Tuttavia i governi dei Paesi occidentali si sono concentrati solo sulla nuova infezione, responsabile, nel mondo del 3,1% dei decessi e, in Italia del 10%, relegando tutti dentro casa e danneggiando le economie nazionali. Il Covid è un’ infezione respiratoria che provoca meno della metà dei morti che ogni anno provocano le altre infezioni respiratorie.

Come ci si curerà nella Fase 2

4 - 7 minuti di lettura
Come ci si curerà nella Fase 2

“Quando si presentano i primi sintomi (febbre alta soprattutto) è il momento di agire e di considerare il paziente come un malato di Covid-19. Abbiamo capito che intervenire nelle prime fasi del decorso è fondamentale per evitare il tracollo”.

Stefano Manera, anestesista e rianimatore, è uscito da pochi giorni dalla rianimazione numero 6 dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Si è ripreso la sua vita dopo un mese e mezzo di lavoro incessante nel reparto dei più gravi. Ha intubato e dimesso diversi malati ma ne ha visti altri spegnersi. Ha gestito lo stress, contenuto l’ansia, risolto grane. Ha brancolato nel buio e perso il sonno prima di riuscire ad apprezzare qualche risultato.

“Il reparto di rianimazione dove ho lavorato è stato ricavato da un deposito, il nostro staff di specialisti formato in quattro e quattr’otto, c’erano 15 posti letto. Nel momento clou (avevamo degenze lunghe e continui ingressi) qualche paziente è stato trasferito in Germania. Grazie a Dio, ora, quel reparto è vuoto ma non dismesso.

“Bimba malata di tetano, indagati i genitori”, ma non era tetano

3 - 6 minuti di lettura
“Bimba malata di tetano, indagati i genitori”, ma non era tetano

Ricordate la storia della bambina di 7 anni che si era ammalata di tetano? (Autunno 2017, Torino). La piccola non era stata vaccinata e perciò i genitori furono indagati per lesioni colpose. La bimba si ristabilì in poco tempo e venne dimessa dopo qualche settimana (nel frattempo venne vaccinata contro il tetano). I genitori subirono immediatamente un processo mediatico ferocepari a quello dell’ostetrica di Macerata licenziata in tronco per non aver fatto il vaccino trivalente di cui non aveva alcun bisogno – e poi un procedimento penale.

Ma, colpo di scena, “Il fatto non sussiste”. Così ha stabilito il giudice. La malattia, verosimilmente, non era tetano. E il pm che indagò la mamma e il papà della piccola, dopo aver nominato un consulente, esaminato la cartella clinica e recepito la memoria difensiva costruita da diversi medici (fra i quali il Premio Nobel Luc Montagnier, il virologo Giulio Tarro, il professor Paolo Bellavite, l’infettivologo Fabio Franchi, il chirurgo Giorgio Pellis) chiese l’archiviazione nel novembre scorso. Il gip ha accolto la richiesta pochi giorni fa. Non si va più a processo.

La diagnosi di tetano è stata messa in dubbio. Perciò, per la malattia che ha afflitto la piccola – probabilmente una laringite acuta con trisma (il serramento delle mascelle) -, non vi sono responsabili.

Non solo. I periti fanno presente che il tetano si può presentare anche in persone vaccinate e con un alto livello di anticorpi, a differenza di quanto molti ritengano. Comunque, il protocollo prevede che, in caso di ferita, ci debba essere la certezza dell’avvenuta vaccinazione (comprensiva di regolari richiami), altrimenti si provvede a farla e a somministrare anticorpi (immunoglobuline).

Come succede per altre malattie (Herpes Zoster, meningiti, pertosse, parotite, influenza), la vaccinazione e persino la presenza di anticorpi non garantiscono la protezione contro la malattia.

Le statistiche USA mostrano che circa il 15-20 % dei casi di tetano avviene in soggetti completamente vaccinati.

Torniamo al fatto.

La richiesta di archiviazione dell’ipotesi di reato nei confronti dei genitori torinesi risale al novembre 2018, a un anno dall’accaduto. Ne diede notizia l’agenzia Ansa con poche righe che trovate qui. Nessun altro giornale o talk show riportò l’epilogo.

Di poche settimane fa la notizia che il gip ha accettato l’archiviazione (che ora è effettiva).

Eppure la vicenda ha incuriosito da subito.

Dapprima per il fatto che la bimba non aveva riportato alcuna ferita, né profonda, né superficiale nei mesi precedenti l’episodio e poi perché “ha sempre vissuto in città e mai in campagna a contatto con terra e animali” si legge nella memoria difensiva costruita dagli avvocati Luigi Isolabella, Angela Quatraro e Nicola Pietrantoni.

I periti chiamati dalla difesa hanno potuto dimostrare (così hanno sostenuto) che il tetano non c’entrasse affatto sulla base dei documenti e delle cartelle cliniche.

Sì, era tutto scritto.

Si legge che la piccola era stata considerata un “codice giallo”, che in sala d’attesa, pur avendo dolore al collo e difficoltà a spalancare la bocca riusciva comunque ad aprire la mandibola (aspetto, quest’ultimo, incompatibile con un tetano in atto) e che, “seduta con le gambe incrociate, aveva trascorso il tempo disegnando”. Che aveva gonfi i linfonodi del collo e, “nelle prime ore del mattino dolore alla parte alta della schiena”, tuttavia è stata trovata da subito “vigile, reattiva, orientata”, ha infatti sempre parlato con i medici e i familiari. Dopo la tac eseguita il giorno successivo all’ingresso in ospedale la diagnosi è stata “Sospetto ascesso retrofaringeo? Trisma (serramento delle mascelle)”. Alla visita otorinolaringoiatrica svoltasi al momento del ricovero, lo specialista, non avendo alcun sospetto di tetano, aveva prescritto antiinfiammatorio e cortisone.

Tuttavia, il secondo giorno di ricovero, la bimba è trasferita nella “Divisione di sospetto tetano” dove le verrà prescritto l’antibiotico che si usa per contrastare l’infezione tetanica; dopo 4 giorni però, i medici hanno sostituito l’antibiotico preferendone uno adatto alle patologie tonsillari. Questo cambio di strategia terapeutica è indicativo della poca convinzione dell’équipe medica nei riguardi della diagnosi di tetano.

Come è possibile che non vi sia certezza?

In sostanza, secondo i periti, mancavano prove essenziali e il decorso non era caratteristico del tetano. Si legge: “Non è stata ricercata la tossina tetanica nel sangue, non c’era alcuna infezione in atto con il germe tetanico. Non c’era storia di un’infezione precedente. Gli esami strumentali – elettromiografia e di laboratorio – oltre all’esame obiettivo non erano compatibili con il tetano in atto. Il chirurgo Giorgio Pellis, che è stato per lunghi periodi in ospedali africani, ha osservato svariate decine di casi di tetano”.

Tuttavia, i sintomi iniziali hanno giustamente allertato i medici, ma poi il quadro temuto non si è sviluppato affatto.

A ciò si aggiunga che il dolore della bimba si è attenuato progressivamente con il solo paracetamolo (i dolori da tetano sono insopportabili e persistenti e non si placano con paracetamolo).

“Perciò il quadro disegnato dagli esperti della difesa è tale da seminare un significativo dubbio sulla esattezza della diagnosi di tetano”. Così hanno concluso gli avvocati. E per questi motivi il pm ha chiesto al giudice l’archiviazione.

Non era tetano e non ci sono colpevoli.

Assolti i genitori da ogni accusa. Poiché – come illustrato nella memoria difensiva – vi erano opportune ragioni di salute dietro la scelta di non sottoporre la bimba a tanti vaccini insieme. Innanzitutto il fatto che la piccola, come la madre, è allergica ad alcuni farmaci e alimenti. “Il percorso dei genitori, lungi dall’essere dettato da mode o convincimenti ideologici, è il frutto di un ampio e continuo lavoro di documentazione su basi scientifiche”.

Cosa ci insegna questa storia.

Che il più delle volte, in medicina, le situazioni sfumano nell’“incertezza”. Che l’impegno profuso a mani piene – sia da parte dei medici che degli avvocati – permette, talvolta, di “accarezzare” la verità . Altre volte no, non si riescono a salvare vite o a dipanare matasse, ma ha valore comunque.

Che il processo mediatico è in antitesi con la ricerca della verità, perché, imprigiona intenzioni e persone in etichette feroci. I genitori della piccola erano finiti sulle prime pagine di tutti i giornali, additati come mostri irresponsabili. Qualcuno era arrivato a dire che la bambina non avrebbe dovuto ricevere cure in un ospedale pubblico perché “non era vaccinata”.

Non si sollevarono obiezioni, o, se ci furono, non si sentirono: il grido giustizialista riuscì a far tacere il buon senso e a far dimenticare i principi della Costituzione.

Chissà se ora qualcuno chiederà scusa a questa mamma e a questo papà.

Licenziata per aver rifiutato il vaccino (e aveva fatto la malattia!)

4 - 8 minuti di lettura
Licenziata per aver rifiutato il vaccino (e aveva fatto la malattia!)

Una storia da cui trarre esempio, che molti di voi in parte già conoscono. Riguarda l’ostetrica marchigiana licenziata in tronco nel novembre scorso perché – così hanno liquidato il caso giornali e televisioni – “rifiutava di vaccinarsi”.

Vedremo che la donna:

1) Non ha rifiutato le vaccinazioni ma, anzi, ha cercato in tutti i modi di fare il vaccino contro la parotite (che esiste all’estero ma è difficile da reperire).

2) Avendo 57 anni, ha anticorpi per tutte le malattie esantematiche contratte da bambina: alte le protezioni da morbillo, varicella, rosolia e appena sotto la soglia quella per la parotite; perciò – come previsto dalla legge 119/17 sull’obbligo vaccinale – ha declinato l’offerta del trivalente.

3) Rivoltasi a un perito, ha ripetuto tre volte il test sierologico in laboratori certificati: in uno è risultata appena sotto la soglia (negativo), negli altri due gli anticorpi erano sopra il limite di positività (francamente positivi, dunque). Come possibile? Si è visto che “non esiste un limite riconosciuto per gli anticorpi da parotite”, lo ammettono esplicitamente l’Ema (Agenzia del farmaco europea) e testi specialistici. [Fonte: Ema (Query ASK-32116, dell’ 11 luglio 2017)]. Si legge nella perizia: “I limiti di positività e negatività dei test (di tutti i test per la parotite) sono arbitrari. Infatti, si sono verificate numerose ed estese epidemie anche in comunità altamente vaccinate. La malattia può colpire non solo chi è già vaccinato, ma anche chi è vaccinato ed ha titoli anticorpali molto alti. Del tutto diversa è la situazione nel caso della malattia naturale che conferisce, all’opposto del vaccino, protezione duratura”.

Fra le poche certezze della Medicina oggi, vi è quella che le malattie esantematiche sono come Paganini, non si ripetono.

Pur tuttavia, M. G. ostetrica di 57 anni, a pochi mesi dalla pensione, è stata licenziata. Lei sola su 3.400 dipendenti della Asur Vasta 3 di Macerata per effetto di una determina del direttore generale dell’ottobre 2017 che obbliga chi lavora nei reparti a rischio (oncologia, ematologia, neonatologia, rianimazione) a vaccinarsi contro le malattie esantematiche.

Si dirà che è un provvedimento sacrosanto. Ma se fino al 2017 se ne è fatto a meno, e nessun neonato è stato infettato durante il parto, qualche riflessione occorre farla.

La prima: se una persona di 57 anni ha contratto tutte quelle malattie nell’infanzia (e M.G. ha potuto dimostrarlo) e, come la stragrande maggioranza degli italiani di quell’età, ne è immune, la politica che vara un provvedimento simile oggi dovrebbe considerare questo contesto. Negli Usa, infatti, le persone nate prima del 1957 sono considerate “protette” per le infezioni dei bambini.

Una volta era considerato normale ammalarsi di morbillo, rosolia e orecchioni da piccoli, “così non ci si pensa più”; perfino nei Baci Perugina si trova ancora il bigliettino con scritto “il matrimonio è come una malattia esantematica, prima o poi tocca tutti”. (In fotografia la versione dedicata al morbillo).

Poi, ci si chiede: i 3.400 dipendenti dei tre ospedali, Civitanova, Macerata e Camerino, erano tutti in regola con le vaccinazioni quando M.G. è stata licenziata? Ricordiamo che il rapporto di lavoro dell’ostetrica è stato brutalmente troncato in due mesi: a settembre la richiesta di vaccinarsi, a novembre lo stop.

Si dirà che non tutti sono pediatri, infermieri o ostetriche e che gli impiegati non entrano in contatto con le partorienti. Mica vero. L’ambiente è lo stesso e i virus non si fermano davanti a una porta chiusa: una neomamma si serve di documenti, bar, ristoranti, toilette, rivendite di libri e giornali e cammina pure per i corridoi. Ci si chiede, poi, se chi ha deciso le sorti dell’ostetrica è vaccinato per tutte quelle malattie. Si sa che i medici, bravi a prescrivere le punture per gli altri, sono assai restii a farlo per se stessi.

Eppure solo sull’ostetrica è calata la mannaia: licenziata in tronco nonostante abbia dimostrato di aver già contratto la malattia. Non solo. Non è stato considerato neppure un cambio mansioni per quei pochi mesi che restavano fino alla pensione. Intanto, su giornali e tivù, rimbalzava l’accusa: “Ha rifiutato i vaccini, perciò è una criminale”.

Il mobbing.

“Quando mi è stato richiesto di vaccinarmi ho presentato in direzione i miei esami; valutati gli anticorpi della parotite appena sotto la soglia, avevo manifestato la volontà di rifare il test (ero certa di aver contratto la malattia in passato), l’azienda rifiutò e mi segnò in ferie per un mese. Usai quel tempo per trovare un vaccino monocomponente. – racconta M.G. – Ho cercato ovunque: alle farmacie Vaticane, a San Marino, in Svizzera. Perfino in Paesi europei dove ho parenti. Alla fine mi è stato detto che il vaccino esiste in Inghilterra e a San Pietroburgo ma che occorre una particolare procedura d’acquisto (il singolo non può farla); la mia azienda si è però rifiutata dicendo che esiste il trivalente…”.

Che lei ha scelto di non fare.

“Ho chiesto ai miei superiori di assumersi loro la responsabilità se, dati i miei anticorpi alti, aggiungerne di nuovi sarebbe stato come bere un bicchier d’acqua, ma non lo hanno fatto, la salute è mia”.

All’epoca aveva letto i documenti che stabiliscono che non esiste un limite di anticorpi per stabilire la protezione dalla parotite?

“No, ma ero certa di aver avuto la malattia e avrei portato mia madre e mio fratello a testimoniarlo. I medici della commissione avrebbero dovuto sapere che la malattia dà una protezione immunitaria efficace che non si limita alla presenza di anticorpi. E poi, ho avuto anche recentemente uno stretto contatto con un soggetto affetto da parotite e, guarda caso, non l’ho presa”.

Come è avvenuto il licenziamento?

“L’ho appreso dai giornali la mattina del 15 novembre. Il mio avvocato ha ricevuto la comunicazione ufficiale tramite Pec alle 9:40 dello stesso giorno. I media erano sicuramente stati informati con dovizia di particolari, qualcuno aveva svelato loro la mia identità e le mie vicissitudini perché la pubblicazione del licenziamento sull’albo pretorio dell’azienda, apparsa 12 ore prima della spedizione della Pec, era anonima e senza dettagli”.

Cosa hanno scritto i giornali?

“Titoli grandi così. Qualcuno mi ha dato della ‘criminale’ paragonandomi a un ‘camionista che guida ubriaco’. Dopo decenni di lavoro svolto con cura e coscienza, immagini cosa è stato per me leggere quelle parole. Ho fatto pochissime assenze per malattie, sono sanissima e ho sempre svolto con passione il mio lavoro, bella riconoscenza…”

La carriera.

La scrittrice marchigiana Lucia Tancredi è intervenuta su Cronache maceratesi in difesa dell’ ostetrica che “l’ha sostenuta nel periodo più delicato” e che “ha insegnato il parto naturale a migliaia di donne”. Leggete qui. M. G. ci mostra le lettere di solidarietà delle mamme che ha assistito. In una leggiamo: “Quando ho dato alla luce mio figlio, in ospedale sono stati commessi non pochi errori, questa donna si è presa cura di noi con dedizione e profondo rispetto delle tappe del bambino e della madre. Sono passati tre anni, ancora le dico grazie, mentre la grande azienda ospedaliera ci mandava a casa con una busta di latte in polvere, forte di ciò che ho appreso in quei momenti, ho sempre allattato al seno il mio bambino”.

Parlando con lei apprendiamo che ha un libretto vaccinale zeppo di date e vaccini, perché è stata sul punto di partire in missione in Kosovo, con i militari. Che ha donato il midollo a uno sconosciuto, che offre regolarmente il sangue, che non fuma e conduce una vita sana. Che non le è stato riconosciuto niente, né un’indennità, nè il Trattamento di fine rapporto, neppure il mezzo stipendio in attesa della sentenza come è stato concesso all’infermiere della stessa Asl accusato di aver violentato una donna in psichiatria. Leggete qui. E pensare che a Civitanova c’è pure un primario che non presta servizio in ospedale perché nominato sindaco di Montelupone. Leggete qui.

In attesa di giustizia.

Il licenziamento di M.G. è stato rapidissimo. La sentenza del giudice del lavoro, invece, si fa attendere. “Abbiamo depositato in gennaio un ricorso per ottenere il reintegro e il risarcimento del danno – spiega l’avvocato Monica Seri – l’udienza si è tenuta in febbraio, siamo in attesa della decisione del giudice”.

L’avvocato si chiede se in tutta l’area Vasta 3 sia da considerarsi a rischio (di infettare le partorienti) solo M.G.: “Abbiamo saputo che nei reparti di ostetricia, ginecologia e pediatria, ci sono operatori nella stessa situazione in cui si è trovata la mia assistita. Tuttavia a loro è consentito di continuare a lavorare. Perché solo M.G è stata considerata pericolosa da essere allontanata e poi licenziata?”.

Conclusioni.

Resta così ancora aperto il caso dell’ostetrica M.G. licenziata in tronco a mezzo stampa, trattata come una criminale (non è malata, non è infetta e, come da letteratura medica, è più protetta dalla parotite di chi ha fatto il vaccino), lasciata senza stipendio e senza Tfr.

Pare la perfetta rappresentazione delle conseguenze del “Leso Vaccino”, la nuova Maestà sanitaria cui obbediscono tutti i ministri e i parlamentari senza distinzione politica: “Rifiuti il trivalente anche se non ne hai bisogno? Ecco cosa ti succede”.

Vede, il Capro Espiatorio non è solo quello che, all’occorrenza paga per gli altri. È soprattutto, e anzitutto, un principio esplicativo, signor Malaussène.”(Daniel Pennac)

Scuola e vaccini, la nuova legge toglierà il ricatto?

2 - 3 minuti di lettura
Scuola e vaccini, la nuova legge toglierà il ricatto?

L’antefatto.

Eravamo scesi in piazza per questo. Per chiedere a gran voce che le malattie non si prevengano con il ricatto. 

È sleale – per non dire illegale – condizionare un diritto garantito dalla Costituzione (come il frequentare la scuola) alla completezza del libretto vaccinale. Un diritto vive di vita propria, se lo concedi “sotto condizione …” lo snaturi, non è più un diritto.

Tuttavia è successo. La legge 119/17 ha introdotto “la prevenzione sanitaria con ricatto” avvalorando un rapporto mercenario tra l’atto del vaccinare e l’ingresso a scuola. Se fino a due anni fa il medico suggeriva il meglio per noi – che poteva essere anche ‘ora-quel-vaccino-no’ – d’un tratto la politica ha deciso che lo Stato fa meglio del medico. Scordatevi il posto dell’accoglienza per antonomasia, la mano che sostiene le mamme lavoratrici: stop a nidi e materne se non prestate il braccio di vostro figlio a 10 punture. Do ut des, bellezza. È il mestiere più vecchio del mondo, occorre farsene una ragione

No, grazie. Abbiamo occupato le piazze, molti di noi hanno rinunciato all’asilo e non perché siamo no-vax ma perché sappiamo che la prevenzione delle malattie è una cosa seria. Da affrontare a mente aperta con il proprio medico, con chi ci conosce bene. 

La notizia.

È di ieri un emendamento al testo che diventerà legge  (il ddl 770 ancora in discussione) che – Deo gratias – abolisce il ricatto “niente scuola se non vaccini”. Il testo 2 numero 7.0.1 cofirmato da Lega e M5S prevede che “a decorrere dall’entrata in vigore della nuova legge, per tutte le scuole di ogni ordine e grado, i documenti vaccinali non costituiranno più requisito d’accesso”. Cliccate qui per vedere il testo completo messo a punto dai senatori Maria Cristina Cantù (Lega), Pierpaolo Sileri (M5S) e Sonia Fregolen (Lega).

Che dire? È un passo avanti rispetto al buio della legge 119, che, con successive circolari ha autorizzato il ministro a inviare i carabinieri nelle scuole, non per controllare che siano rispettate le norme antiincendio (più della metà degli edifici è a rischio), ma per chiudere i cancelli ai bimbi senza certificato.

Le critiche.

Tuttavia in queste ore stanno arrivando le critiche. Fra i genitori c’è chi replica che un emendamento da solo non fa una legge. In effetti, il testo è ancora tutto da votare. Ma se ci sono volontà politica e finalità di intenti l’emendamento passerà.

A ben guardare è un provvedimento coerente con il contratto di governo sottoscritto da Salvini e Di Maio in cui si fa riferimento a “un giusto equilibrio fra diritto all’istruzione e diritto alla salute”. Quindi ora c’è la strada per far partire la promessa.

Altre famiglie però non si fidano. Avrebbero preferito che la coerenza su questo aspetto si fosse concretizzata durante l’anno scolastico per impedire le esclusioni da scuola e le vaccinazioni con ricatto. Temono si tratti di una “mossa elettorale” per conquistare voti in vista delle Europee.

Tutto può essere. E se è vero che il tempo è galantuomo, avremo modo di capire se si tratta di una promessa da Pinocchio. 

Nel frattempo preferisco fidarmi e poi, eventualmente, ricredermi piuttosto che rinunciare ad apprezzare i presupposti di un buon lavoro.

Quelle cellule fetali per produrre vaccini

4 - 7 minuti di lettura
Quelle cellule fetali per produrre vaccini

Si usano da mezzo secolo: cellule di feto abortito per produrre vaccini. Vaccini che tutti noi abbiamo ricevuto, o fatto fare ai nostri figli, il più delle volte senza conoscere il processo di fabbricazione. Dietro lo scudo contro morbillo, parotite, varicella, poliomielite, epatite A e febbre gialla, ci sono due gravidanze volontariamente interrotte al terzo e quarto mese di gravidanza. Due bambini mai nati.

{Informazione Libera Press} è puro volontariato giornalistico, nulla è chiesto dagli autori degli articoli pubblicati.
Il progetto editoriale è sostenuto nell’aspetto tecnico e sistemistico, amministrativo, economico e legale da S-D CONSULTING.

Approfondisci la storia del portale, clicca qui.

Rubriche principali

Riferimenti e recapiti

  •  Via Cefalonia 55,
    25124 - Brescia
  •  P. IVA: 03608570176

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

Cerca...

Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare?

Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.