Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Mercoledì, 02 Dicembre
In Madagascar 1.200 morti per morbillo in sei mesi, ma per l’OMS sono “solamente” 39

E' stata la notizia della domenica, arrivata direttamente dall'ANSA per poi rimbalzare su diverse testate giornalistiche.
Una epidemia di morbillo che dura da sei mesi in Madagascar e che avrebbe portato al decesso ben 1.200 persone.
Una notizia terrificante, se non fosse che di tutto questo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), pubblica notizie che non concordano tra loro, e l'Ambasciata del Madagascar, smentisce assolutamente la notizia.
L'ultima nota pubblicata dall'OMS in gennaio 2019 parlava di 39 morti in un paese con il più alto tasso di malnutrizione nei bambini minori di 5 anni, in tutto il continente africano.

Esitazione vaccinale e il ruolo delle aziende socio-sanitarie territoriali (ASST)

Analizzando il tema dell’esitazione vaccinale e delle motivazioni che spingono verso questa direzione, è doveroso soffermarsi sulle numerose criticità sollevate dalla pratica della vaccinazione di massa in virtù del ruolo svolto dai distretti vaccinali territoriali.

Materiale informativo lacunoso, generico, spesso riferito a fonti che non fanno nemmeno riferimento al repository istituzionale del Ministero, ma piuttosto improvvisato dal personale sanitario del centro di prevenzione, istruito in fretta e furia per fronteggiare quel numero indefinito di genitori dubbiosi in cerca di risposte che spesso non vengono date.

Vaccini e obiezione etico-religiosa, questa sconosciuta

E’ indubbio che la famiglia sia la cellula fondamentale di una società e per questo la politica ha il compito di tutelarla.

Dev’essere garantita quindi educazione e conciliazione di tempi di vita-lavoro adeguati, erogando servizi che siano accessibili a tutti.

Parallelamente i nostri governanti hanno anche il compito di tutelare il rispetto etico-religioso ed i valori ad essi connessi, che sono un altro principio cardine della famiglia.
Quasi tutte le religioni disapprovano da sempre la pratica dell’aborto e tutelano la dignità dell’essere umano fin dal suo concepimento.

Qui entra in gioco la contraddizione che nasce dalla produzione dei vaccini, il processo presenta risvolti bioetici che possono essere inaccettabili dal momento in cui utilizzano diploidi umane, ricorrendo alla pratica dell’aborto, e i feti, asportati vivi, che vengono inviati direttamente ai laboratori farmaceutici.

Raccomandazione al sapore di imposizione: quando vaccinarsi diventa un dogma

Non bastava il DDL 770 a proporre ossimori liberticidi, ci ha messo lo zampino anche l’Unione Europea.

Ebbene la Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 7 Dicembre 2018 ricalca alla perfezione il trend del disegno di legge attualmente in discussione in Senato, se non fosse che il DDL nostrano è molto di più del solito pasticcio all’italiana.

Silvio Garattini in 3 parole: ”Perché l’obbligo deve rimanere”

Partite il 30 ottobre 2018, le audizioni in commissione Sanità al Senato hanno visto il loro epilogo il 31 gennaio 2019.
Una quarantina le persone ascoltate, anche se non tutti coloro che avevano fatto richiesta sono stati auditi. Nel frattempo una proroga alla presentazione degli emendamenti che ha posto quale deadline l'8 marzo.
Una disamina delle parole pronunciate è stata fatta verso i sostenitori della attuale Legge in vigore, la 119, tra questi, Silvio Garattini.

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
82%
Archivio
56%
Risorse
74%
Easy of Use
85%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares