Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Martedì, 19 Novembre
#MORBILLO: allarmismo e disinformazione. La matematica non è una opinione

La notizia è fresca, delle ultime ore, mirata a creare sicuro allarmismo tra le famiglie non informate e che si limitano alle prime righe dei giornali.
Questa volta l'incipit è un "picco mostruoso di morbillo", frase ripresa questa mattina da una intervista al presidente dell'Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, in occasione dell'incontro "Il diritto ai vaccini oggi in Italia: continuiamo a formare i cittadini".

Diffusa da altri organi di informazione, ci si chiede se qualcuno degli scriventi si è preoccupato di verificare almeno le affermazioni.
Eppure i dati sono a disposizione di tutti, e si trovano sul sito ufficiale Epicentro, il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica, a cura dell'Istituto Superiore della Sanità.

Per dovere di cronaca, da un mero confronto tra il 2019 e lo stesso periodo del 2018, il numero di casi segnalati di morbillo è calato di oltre il 30%. Ma vi invitiamo a verificarlo, perchè se oggi si parla, lo si fa con i dati in mano.

L'evento è organizzato da Cittadinanzattiva, a Roma, dal titolo "il diritto ai vaccini oggi in Italia: continuiamo a formare i cittadini".
Si parla quindi di formazione, ma il principio cardine non dovrebbe essere quello di fornire dati reali, attuali e attendibili?

E se parliamo di competenze, si dovrebbe sperare in corretta informazione, lo slogan non è recente, bisogna combattere le fake news e la disinformazione che dilaga soprattutto sul web.

Il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma, intervistato quest'oggi dall'agenzia Dire, afferma:

Le vaccinazioni obbligatorie per i bambini sono importanti, soprattutto quelle contro le malattie esantematiche: voglio ricordare che in questo momento stiamo avendo un picco mostruoso di morbillo, dovuto al fatto che molti non si sono vaccinati. Vaccinarsi è importante non solo per il singolo ma anche per la collettività, perché evita a tutti di potersi ammalare. Bisogna arrivare alla cosiddetta copertura di gregge”.

Fonte: DIRE

Tali affermazioni meriterebbero quanto meno una parafrasi, per svilupparle e arricchirle di chiarimenti.
Le "vaccinazioni obbligatorie per i bambini sono importanti", ma perchè evidenziare una fascia di età (i "bambini")? E perchè lo sarebbero solo le "obbligatorie"? Ci sono degli interessi in campo che stiamo sottovalutando sia a livello di informazione sia per la natura economica?
Gli accordi presi da precedenti governi non hanno fatto bene i conti sulla realtà italiana, scelta non a caso come capofila di una azione mirata alla vaccinazione di massa?
Oppure è una ulteriore propaganda a suffraggio di quanto sta avvenendo in Germania, dove è in discussione una legge sull'obbligo dei vaccini che andrebbe a ripercorrere gli stessi passi fatti dall'Italia?

Sarebbero più importanti le vaccinazioni contro le malattie esantematiche, questo quanto detto dal Presidente Magi, che rincara la dose con la notizia del giorno: "un picco mostruoso di morbillo", secondo la redazione di Dire.
E la colpa di chi è? Di chi non si vaccina, senza evidenziare dati o altro che possano spiegare il fenomeno.

Anche la nostra redazione, leggendo la notizia, si è subito allarmata.
Consideriamo un costante monitoraggio dei rapporti di "Sorveglianza Integrata del Morbillo e della Rosolia", pubblicati ogni mese sull'area news "Morbillo & Rosolia News: il bollettino della sorveglianza integrata morbillo-rosolia".

L'ultimo report è il n. 55 e riporta, in prima pagina, quanto segue:

Dal 1 gennaio al 31 agosto 2019 sono stati segnalati in Italia 1.571 casi di morbillo, di cui 151 nel mese di luglio e 77 in agosto.

19l25 report morbillo 2019

Fonte: Epicentro

Al fine di verificare "un picco mostruoso", siamo andati a scaricare il report dello stesso periodo dell'anno del 2018, il n. 44:

Dal 1 gennaio al 31 agosto 2018 sono stati segnalati in Italia 2.248 casi di morbillo(di cui 126 nel mese di luglio e 66 nel mese di agosto 2018).

19l25 report morbillo 2018

Fonte: Epicentro

 

Conti alla mano, un rapido calcolo evidenzia quindi nel 2019 un calo di casi segnalati di morbillo del 30%.

Siamo sicuri che il Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma avrà una spiegazione a tal riguardo.
Il ruolo che riveste è di notevole importanza, quindi è altrettanto importante che le sue parole corrispondano a dati certi e non ad interpretazioni  quanto meno discutibili.
Probabilmente una veloce intervista "strappata" in uscita ad un evento potrebbe averlo confuso.

Attendiamo una "ERRATA CORRIGE", anche se questa in realtà si utilizza più nell'ambiente bibliografico. Sia mai che qualche giornale, accorgendosi dell'errore, correggerà il tiro.

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
68%
Archivio
44%
Risorse
52%
Easy of Use
75%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares