Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Mercoledì, 17 Luglio
Vertici AIFA: Saitta candidato alla presidenza

In seguito alle dimissioni di Stefano Vella a capo dell’Agenzia Italiana del Farmaco, sottoscritte lo scorso agosto 2018, la poltrona dell’AIFA sembrava stesse per essere presieduta da Antonio Saitta, ex assessore alla sanità piemontese ed esponente del PD.
Così si apprendeva dall'articolo pubblicato da Quotidiano Sanità lo scorso 15 aprile.

È lecito chiedersi se fossero queste le aspettative degli elettori del “governo del cambiamento” nei confronti di un incarico di tale portata.

Quasi sicuramente, poco più di un anno fa, i pentastellati all’opposizione avrebbero alzato le barricate criticando la nomina di Saitta come pura espressione ironicamente personificata del “nuovo che avanza”: uomo legato ai “vecchi” partiti, i nemici del PD, quelli del governo delle ammucchiate, degli inciuci e delle lobbies.

E invece, a grande sorpresa, la storia si stava ripetendo anche nel governo giallo-verde, a ruoli ribaltati.
Sembrava cosa fatta, ma il giorno dopo ecco il "giallo", confermato da Quotidiano Sanità il 16 aprile, dato che il Ministro non sembra aver inoltrato la proposta alla Conferenza Stato - Regioni.

Medici e personale sanitario: sostengono l'obbligo, ma sono i primi a non vaccinarsi

E' la realtà che emerge da numerosi fonti, provenienti dall'informazione e da siti istituzionali.
Non sono rare le testimonianze di genitori che, prima del 2017 e quindi prima dell'entrata in vigore della Legge Lorenzin, parlavano del rapporto con il proprio medico o pediatra.
Un rapporto certamente più coerente in passato con quelle che erano le loro scelte personali nell'ambito della prevenzione, data la scarsa adesione alle vaccinazioni nonostante le raccomandazioni del Ministero della Salute.

Ma oggi, in breve tempo, il comportamento è cambiato, parecchi medici e operatori sanitari dicono di trovarsi d'accordo con obblighi imposti per Legge.
Nonostante questo, i vaccini non li fanno ancora. A pensar male, a volte ci si azzecca.

Emergenza sanitaria, quella vera: l'antibiotico-resistenza

La bacchettata a medici e pediatri arriva nei giorni scorsi proprio dall’Agenzia Italiana del Farmaco.
In Europa è l’Italia ad avere il record di dosi giornaliere di antibiotici somministrate soprattutto tra bambini e anziani.

E torna il rischio relativo alla farmaco-resistenza, con l’avvento di superbatteri capaci di resistere a qualsiasi cura.
Con il risultato, nel nostro paese, di aver causato la morte di 10mila persone l’anno.
Ma per la ministra Grillo, il problema resta il morbillo.

Il consenso (non) informato e il ruolo dei medici

Nella giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo, risulta difficile non intraprendere un percorso di approfondimento, quando la scienza mondiale risulta ancora divisa circa la correlazione tra le vaccinazioni e quello che si definisce nello specifico disturbo dello spettro autistico, caratterizzato da deficit sociali ed emotivi, stereotipie e possibili disabilità intellettive.

L'esame non vuole essere di natura medica, ma piuttosto normativo. Il Dr. Paul Thomas, noto pediatra americano, ha preso in disamina le recenti scoperte inerenti vaccini e autismo. Lui è il fondatore della associazione Physicians for Informed Consent (Medici per il consenso informato), e tra i vari temi trattati anche l'uso propagandistico delle cosiddette epidemie di morbillo per forzare l'introduzione dell'obbligo vaccinale.

Industria del farmaco e tecnici della sanità: chi ha paura del NITAG?

È notizia recentissima quella dell’inaugurazione a Siena di un nuovo centro di controllo qualità relativo alla produzione di vaccini.
Il Sole 24ore ha dedicato lo scorso 28 marzo questo articolo.

Bene, ma non benissimo, se non fosse che il nuovo centro nasce grazie agli investimenti della nota casa farmaceutica GSK.
Non si tratta certo di un ente di controllo super partes, questo è ovvio.

Insomma, come chiedere all’oste se il vino è buono; vale a dire, quando controllato e controllore sono la stessa figura.

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
68%
Archivio
44%
Risorse
52%
Easy of Use
75%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares