Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Lunedì, 24 Giugno
Consapevolezza e sensibilizzazione nell’epoca della tecnocrazia sanitaria mondiale

Si è conclusa ieri la giornata internazionale dedicata alle vittime dei vaccini.

Ogni anno si celebra tale ricorrenza per dare spazio non solo alle voci di chi da anni lotta per il diritto alla vita e alla salute (entrambe tragicamente compromesse in seguito ad un danno da vaccino grave e permanente), ma anche per celebrare il ricordo di tutte quelle vittime che, purtroppo, non sono più al fianco dei loro familiari, i quali quotidianamente versano lacrime di dolore nel silenzio di una alacre guerra contro il dispotismo vaccinale, in un crescendo inarrestabile di perdite di vite umane, che giorno dopo giorno, assume sempre più i caratteri di una strage di Stato.

Le morti bianche

Non possiamo fare a meno di notare l’aumento esponenziale delle cosiddette “morti bianche”, o morti precoci.

Non passa settimana in cui la stampa non riporti la notizia di un decesso riferito ad un minore (sia esso un lattante, un bambino o un adolescente) in apparente stato di buona salute deceduto improvvisamente, senza manifestare segnali pregressi.

Eppure, nella maggioranza degli episodi di questo genere, le inchieste si concludono frettolosamente allungando così la lista delle morti precoci, in un susseguirsi di vittime senza giustizia alcuna.

Ciò nonostante non parleremo di numeri, non li citeremo, non oggi così come ieri..
Oggi i dati non contano, conta soltanto il rispetto per i danneggiati sopravvissuti e deceduti, malati gravi e meno gravi, così come per i danneggiati da vaccinazione ancora ignari e inconsapevoli riguardo alla causa alla base di quanto potrebbero aver subito.

Le ragioni del ricordo

Con questa ricorrenza non si celebra solamente la forza, l’impegno, la costanza e il coraggio di coloro che quotidianamente combattono per la vita, come Nicola, Edi, Bodgan, Christian e molti altri guerrieri abbandonati dallo Stato, ma anche e soprattutto la volontà di uscire dal silenzio, di favorire la consapevolezza, di gridare al mondo che vige il diritto al riconoscimento del danno, sovente negato, così come altrettanto taciuto.

La legge 210/92 è ancora sconosciuta ai più, nonché volutamente nascosta, nonostante sia entrata in vigore ben 27 anni fa.

Senza contare il pessimo ruolo giocato dalla cattiva informazione, che ricalca oggigiorno i contorni di un bombardamento mediatico allo scopo di plagiare e sconvolgere le masse utilizzando l’arma della paura, nonché fomentando l’odio verso chi non si piega ai dettami liberticidi ed incostituzionali attualmente in vigore, sotto mentite spoglie di tutela della salute pubblica.

Come ricorda Corvelva, l’International Vaccine Injury Awareness Day “è dedicata a tutti coloro le cui vite sono state trasformate per sempre dagli effetti collaterali della vaccinazione.
È dedicato ai genitori, alle famiglie e alle vittime dirette e indirette ed è specialmente dedicata ai bambini danneggiati. È dedicato al loro coraggio personale.

Ricordatevelo bene italiani, in molti paesi non esiste assistenza statale e supporto per queste famiglie, nemmeno un'organizzazione a cui possono essere segnalate possibili reazioni avverse e nessun indennizzo.
In quei paesi i danneggiati sono ZERO perché il loro sistema non riconosce loro nessun diritto per le vittime”. 

Teniamo accesa la fiamma, teniamo viva la consapevolezza.

Link:

https://www.efvv.eu/light-a-candle-for-the-vaccine-damaged/

http://lightacandle.eu/main

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
68%
Archivio
44%
Risorse
52%
Easy of Use
75%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares