Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Mercoledì, 18 Settembre
Anagrafe regionale in Lombardia...pronti, partenza...via!

All’orizzonte una nuova scadenza per le famiglie e per il personale amministrativo delle scuole italiane.

Se nel belpaese non possiamo ancora vantarci di possedere una anagrafe vaccinale nazionale, per la cui creazione saranno stanziati ben 2,5 milioni di euro, possiamo sempre verificare lo stato avanzamento lavori della anagrafe vaccinale informatizzata della nostra regione di appartenenza, in un quadro di evidente disomogeneità geografica.

(fonte: QUOTIDIANO SANITA)

E in Lombardia?

Caso singolare quello lombardo, che già nei mesi scorsi ha stuzzicato la curiosità della nostra redazione, durante i quali abbiamo approfondito le criticità dettate dell'incoerenza dei comunicati stampa rispetto alla realtà dei fatti:

Nonostante le incertezze del caso, ecco spuntare con un tempismo perfetto (in data 8 luglio 2019) il comunicato del’Assessore Gallera, attraverso il quale sembrerebbe profilarsi un panorama di ordine e rigore informatizzato, nonché di efficienza operativa degli ambulatori vaccinali ad accesso libero per tutta l’estate, come solerti soldati che rispondono alla chiamata alle armi in tempo di guerra (sic!)

(Fonte: REGIONE LOMBARDIA)

“Nessun obbligo o scadenza al 10 luglio per le famiglie i cui ragazzi sono in regola con le vaccinazioni obbligatorie. Per gli altri, ambulatori aperti anche senza appuntamento, ma in caso di inadempienza prolungata, scattano le sanzioni"

sostiene Gallera nel comunicato.

Ma come stanno realmente le cose?

Caos all’italiana

Raccogliendo le richieste di sostegno pervenute in queste ultime settimane in Lombardia (ma non solo) attraverso varie associazioni e comitati spontanei nati in seguito all’entrata in vigore della Legge 119/2017 sul super obbligo vaccinale, è emerso uno scenario tutt'altro che omogeneo, dove troviamo genitori contattati dalle scuole, anche in maniera pittoresca ignorando completamente il GDPR sulla privacy e, allo stesso tempo, famigle mai contattate nonostante.

Tale situazione si presenta caoticamente invariata sia per la fascia 0-6 anni, che prevede la presentazione di idonea documentazione quale requisito di accesso, sia per la fascia 6-16 anni, dove il dato sanitario andrebbe utilizzato solo ai fini della formazione delle classi. 

Sullo sfondo del canovaccio pigmentato dalla consuete bizzarrie nostrane, troviamo i dirigenti scolastici, la cui discrezionalità interpretativa della legge continua concretamente a fare la differenza.

Nel frattempo, nella sola regione Lombardia si contano 20.000 bambini inadempienti, meglio definiti renitenti, la cui motivazioni restano ignorate, le loro richieste di ascolto disattese, in un circo mediatico volto a creare scontro e divisione, etichettando e strumentalizzando quelli che fino a due anni fa chiamavamo semplicemente “bambini”.

(Fonte: IL GIORNALE)

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
68%
Archivio
44%
Risorse
52%
Easy of Use
75%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares