Professioni e Sanità

Parola d’ordine “controllo della popolazione”

Raccomandazione al sapore di imposizione: quando vaccinarsi diventa un dogma (parte seconda)

Raccomandazione al sapore di imposizione: quando vaccinarsi diventa un dogma (parte seconda)
  • Parola d’ordine “controllo della popolazione”
1 - 2 minuti di lettura

Torniamo a parlare di Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 7 Dicembre 2018, quel documento che in sette pagine vorrebbe standardizzare la prassi vaccinale dell’intero vecchio continente, senza tener conto di eventuali strategie autoctone, diversificate a seconda della situazione epidemiologica di ciascun stato membro.

Gli obiettivi della Commissione

Informazione a senso unico, passaporto vaccinale, censura, indottrinamento.
Il piano prevede di raggiungere quanto sopra, soffocando la libertà di pensiero e di opinione, nonché limitando  fortemente l'autonomia professionale necessaria allo svolgimento della professione medica in scienza e coscienza, in virtù del principio di precauzione e della medicina personalizzata.

Le contraddizioni

Risulta curioso riscontrare la necessità di dover persuadere perfino gli operatori sanitari, poiché le coperture riferite a questa categoria risultano insufficienti (punto 7).

Dunque, ciò significa che la situazione vaccinale degli operatori non è poi così distante da quella di coloro che manifestano esitazione nei confronti della pratica vaccinale.
Ergo, se risulta necessario aumentare le coperture del personale sanitario e paramedico, è evidente che l’esitazione aleggia anche e soprattutto tra le fila degli operatori sanitari.

Ecco allora che i poteri sovranazionali tentano di mascherare sotto mentite spoglie, quale strumento di prevenzione primaria, la necessità di persuadere sempre più categorie, ripetendo pedissequamente di voler lottare con fermezza contro qualsiasi  posizione scettica.

Immunità di gregge

Controllo della popolazione? Schedatura senza frontiere e approccio standardizzato tipico della tecnocrazia, il tutto farcito dalla totale assenza di informazioni complete circa la possibilità di incorrere in rischi per chi si sottopone.

Come? Finanziando le campagne di persuasione e obbligatorietà sotto forma di ricatti professionali e formativi. Dunque, ciò significa che la situazione vaccinale degli operatori non è poi così distante da quella di coloro che manifestano esitazione nei confronti della pratica vaccinale.

Usando la logica possiamo trarre le nostre conclusioni, senza dover urlare al complotto, ma semplicemente appellandoci al buon senso.

 

Leggi anche

Altre notizie

{Informazione Libera Press} è puro volontariato giornalistico, nulla è chiesto dagli autori degli articoli pubblicati.
Il progetto editoriale è sostenuto nell’aspetto tecnico e sistemistico, amministrativo, economico e legale da S-D CONSULTING.

Approfondisci la storia del portale, clicca qui.

Rubriche principali

Riferimenti e recapiti

  •  Via Cefalonia 55,
    25124 - Brescia
  •  P. IVA: 03608570176

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

Cerca...

Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare?

Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.