Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Sabato, 22 Febbraio
Due anni dalla scomparsa del Prof. Giuseppe Genovesi, medico specialista di endocrinologia, immunologia

Due anni fa in questo stesso giorno ci ha lasciato il Professor Giuseppe Genovesi, medico e specialista in endocrinologia immunologia e psichiatria.

Era un medico altamente specializzato, ma era anche un uomo innamorato del sapere e che ha investito tante energie nella ricerca e nella divulgazione scientifica.

Nel 2001 fondò la Società italiana di psiconeuroendocriniimmunologia per aggregare professionisti che come lui avevano una rappresentazione unitaria dell'essere umano e una spiegazione della malattia che andava molto al di là della chimica.

Era un vero curante sapeva entrare in contatto con la sofferenza, accoglierla, trasmettere al malato quella sapienza che gli avrebbe permesso di guarire o almeno di migliorare la propria condizione di vita.
Non si può guarire da tutto e il Professor Genovesi lo sapeva, perché diagnosticava e trattava patologie sconosciute alla classe medica come l'elettrosensibilita' e la sensibilità chimica multipla, malattie da cui non si guarisce, ma con le quali se seguiti in maniera opportuna si può convivere.

Più di ogni cosa il Professor Genovesi era coraggioso, guidato dal lume del suo sapere scientifico non ha avuto paura di divulgare i rischi degli xenobiotici come i metalli pesanti contenuti nell'aria, nell'acqua e nei vaccini.

Ha portato avanti le sue battaglie, oggi non può più parlarci, ma ha gettato le basi per una medicina e una cittadinanza più consapevole dei rischi occulti (o volontariamente occultati da qualcuno) per la nostra salute, il nostro bene più prezioso.

 

0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares