Vuoi contribuire?

 Desideri contribuire ad espandere il progetto?

Il tuo interesse potrebbe essere quello di chiedere alla redazione informazioni o fonti non indicate su qualche articolo?

Oppure ti interessa proporre un tuo articolo da pubblicare? Se hai segnalazioni da fare non esitare a contattare la nostra redazione, ti risponderemo il più presto possibile.

Scrivi alla redazione

Martedì, 21 Settembre
#Vaccini: dopo i bambini, è il turno degli anziani

Aleggiava ormai da tempo, sul tema della prevenzione la notizia era certo potesse arrivare da un momento all'altro.
L’odore di nuove imposizioni non stupisce più nessuno: prima i bambini, poi gli operatori sanitari, i nati dal 1975, ora anche i nonni.

«...Ora cominciamo ad occuparci dei vaccini per i vecchi».
Questa la definizione, senza alcuna vergogna, di Rino Pappuoli, della nota casa farmaceutica GSK, quasi a decretare una vittoria e pronto alla prossima battaglia.
C'è da chiedersi fin dove può spingersi l’industria del farmaco nell'influenzare le scelte sanitarie di un paese?

Diritto all’istruzione vs diritto alla salute, ma intanto le scuole crollano

Continua il braccio di ferro tra maggioranza e opposizione sul tema caldo della Sanità: i vaccini obbligatori.
Pare non sappiano parlare d’altro.
Eppure fino a due anni fa non se li filava nessuno.

Tutti gli immunodepressi da salvaguardare si sono palesati dal 2017, etichettati come bimbi fragili, a onor del vero certo.
Tuttavia, la tutela di queste minoranze è attuabile attraverso il senso civico, il buonsenso, nonché norme igieniche di base e comportamenti precauzionali da parte degli stessi soggetti con immunodeficienze.

Ministra, i novax non esistono! Ma i danneggiati sì

Partiamo da un presupposto fondamentale: i novax non esistono.
Un genitore con un figlio danneggiato ha per forza di cose vaccinato.
Pertanto, appare concettualmente impensabile definire “novax” un genitore il cui figlio abbia subito un danno o una reazione avversa in seguito alla somministrazione di una o più vaccinazioni.

Ma in Italia si applica la Legge o gli articoli di giornale?

E' la domanda che si sono posti in tanti genitori, in tutta Italia, dopo che da lunedì si sono visti recapitare o consegnare un documento di sospensione all'accesso a scuola.
Perchè dal 10 marzo è stata una vera e propria escalation, articoli di giornale, on line, mainstream, tutti a dire a gran voce una cosa sola: da lunedì 11 marzo tutti i bambini non in regola con le vaccinazioni devono essere allontanati da scuola. Peccato che la legge, non applicabile a tutti, non dice questo.

“Obbligo flessibile” e tutela dei bambini “non vaccinabili”

Il Disegno di Legge 770/2017 “Prevenzione Vaccinale”, a firma Lega e M5S, attualmente in discussione in Senato, si propone, nelle intenzioni del Governo, di “superare” l’obbligo vaccinale imposto col decreto Legge 73/2017, convertito con modificazioni nella legge 119/2017. Ma è davvero così?

Stato avanzamento lavori

{Informazione Libera Press} prende il via il 31 agosto 2018 nella sua versione beta!
Leggi la sua storia mentre i lavori proseguono...

Funzionalità
82%
Archivio
56%
Risorse
74%
Easy of Use
85%
0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares